venerdì 23 dicembre 2011

The artist - Enjoy the silence

Più o meno un anno fa, dalle pagine di questo blog ci lamentavamo della mancanza di titoli che riprendessero  lo stile delle pellicole di un tempo. Fortunatamente, ci sbagliavamo!

Dujardin, Bejo e Hazanavicus belli e vincenti a Cannes
The Artist va addirittura oltre, ripartendo più o meno dal principio, cioè dal cinema muto. Gli spettatori meno cinefili non si lascino ingannare, questo film si può riassumere in una sola parola: bello!
L'operazione pare una via di mezzo fra la scommessa (vinta) fra amici e una produzione hollywoodiana dei tempi d'oro.
La pellicola del quarantenne regista francese Michel Hazanavicius, quasi si trattasse di un falso d'autore, riprende il linguaggio e le tecniche dei grandi classici del muto, togliendo da questo genere la polvere di svariati decenni. Ma interrompiamo le lodi e parliamo del film.

John Goodman prevede lauti incassi
La trama segue le carriere parallele e divergenti di due personaggi, George Valentin, stella del cinema muto, e Peppy Miller, ragazza che con l'approssimarsi del sonoro passa da comparsa a stella di prima grandezza. Alla caduta del primo si contrappone l'ascesa della seconda. Tuttavia, anche se l'intesa fra i due è evidente fin dal primo fortuito incontro, nel corso del film l'amore vero e proprio fatica a sbocciare. Solo l'intuizione finale ci rivelerà che muto e sonoro non sono antitetici, ma parti integranti di una stessa meraviglia: il cinema!

Et voilà!
Il bello del film muto rispetto al sonoro è nell'universalità del linguaggio, la recitazione, che consente allo spettatore di concentrarsi sull'immagine anzichè sui dialoghi. L'ora e mezza abbondante del film passa senza fatica; l'evoluzione della trama e le trovate di sceneggiatura si susseguono a ritmo veloce e non fanno rimpiangere l'assenza dei dialoghi (a proposito, ma non sarà meglio un film muto di uno con battute banali o inconsistenti? Noi condividiamo l'opinione dei Depeche Mode in merito alla questione).

Gli attori principali sono Jean Dujardin, interprete della versione francese della sitcom Love Bugs, che alla prima interpretazione di respiro internazionale si è portato a casa (per ora) la palma d'oro di Cannes come miglior interprete; di scarsa esperienza internazionale è anche Bérénice Bejo, brava e bellissima moglie di Hazanavicius.

Largo ai giovani!
I comprimari sono selezionati fra i migliori professionisti di Hollywood e sembrano apprezzare molto la possibilità di fare qualcosa di diverso dal solito. John Goodman (un mito qui all'altezza del suo curriculum, di cui ricordiamo Arizona Junior, Big Easy - Brivido seducente, Seduzione pericolosa, I Flintstones, Il grande Lebowski) è il tipico grasso produttore Hollywoodiano inseparabile dal suo sigaro, cinico ma non troppo. Penelope-Ann Miller (Il boss e la matricola, Carlito's way, Relic) è la moglie trascurata di George. I fidati autisti di George e Peppy sono due "facce da duro", rispettivamente James Cromwell (Invito a cena con delitto, i due film di Babe mailino coraggioso, il cattivo capitano di L.A.Confidential, La figlia del generale, Il miglio verde, W di Oliver Stone) ed Ed Lauter (Quella sporca ultima meta, King Kong - quello del 76 - Cujo, il sottovalutato Rocketeer, Codice Magnum).

James Cromwell, chauffeur fedele anche nella sventura
Alcune scene ci hanno colpito in modo speciale: la prima colazione a casa di George dove lui ed il suo cagnolino si fanno il verso a vicenda (un Jack Russell simpatico e bravissimo, da Oscar al miglior attore non protagonista); quella in cui una Peppy di belle speranze si ritrova nel camerino di George e si immagina abbracciata da lui infilando un braccio nella manica del suo frac; infine - a nostro avviso da storia del cinema - la scena dell'incubo di George, con la "terrificante" irruzione del sonoro in un mondo altrimenti muto, dove persino la caduta di una piuma genera un boato insopportabile, di grande efficacia scenica.

Peppy sogna l'amore ed il successo
Nel corso del film vengono utilizzati alcuni espedienti visuali per sottolineare i diversi momenti e stati d'animo; ad esempio l'uso del contrasto, molto netto nelle sequenze iniziali che descrivono il momento dell'apice del successo di George, per farsi più grigio, quasi polveroso, nelle scene dedicate alla caduta e crisi. Le immagini tornano ad essere brillanti nella catarsi finale.

Bérénice Bejo è vestita benissimo, sexy ed elegante, da Mark Bridges (costumista in vari blockbuster: Boogie Nights, Magnolia, Blow, The Italian Job, Be Cool, più di recente il bel The Fighter). Il cappottino con la pellicia lunga nera è un capo come (purtroppo!) non se ne fanno più, i cappelli a cloche sono deliziosi e gli inserti in pelliccia sono splendidi (a onor del vero su questo blog preferiamo che le pellicce restino attaccate ai legittimi proprietari).


Il nocciolo della questione a nostro avviso non sta tanto nel dilemma "muto o sonoro", non si può sostenere (e credo nessuno lo faccia) che sarebbe meglio tornare indietro alle tecniche di settanta(!) anni fa. Il cinema, da sempre, è alfiere dell'innovazione. Ma altrettanto sciocco - e non parliamo solo di film - sarebbe lasciare per strada una certa idea di come vanno fatte le cose, con passione e sapienza.
The Artist è un film divertente, che pur senza parlare ci sa raccontare di ascesa, caduta, amore, dedizione, riscatto. Il tutto sempre con un sorriso sulle labbra e un tocco di ironia.
Al bando dunque le idee preconcette e diamo il giusto riconoscimento un progetto coraggioso e ben realizzato!

4 commenti:

  1. carino il blog,ti seguo!ne ho uno anch'io,(di moda ovviamente.-)vieni a dare un'occhiata e se ti va seguimi!
    Grazie mille!
    VERONICA
    http://www.givemefashionblog.com

    RispondiElimina
  2. bellissimo post! complimenti!
    se ti va passa da me, ci sono 2 meravigliosi giveway!!!!!
    www.pescaralovesfashion.com

    RispondiElimina
  3. Il tuo post mi ha incuriosito moltissimo: non me lo perderò!!!
    www.lostinunderwear.blogspot.com

    RispondiElimina
  4. Questo film è bellissimo e merita davvero di essere visto!!! =) Stupendi anche i vestiti (giusto per restare nel tema style del blog!). Buon anno a tutte!!! ^^

    RispondiElimina

Questo blog è copyright di Torino Style. Testi e fotografie, se non diversamente indicato, sono copyright degli autori o dei contributors.
Nessuna parte di questo sito, dei post e delle immagini può essere utilizzata o riprodotta senza consenso esplicito e comunque sempre citandone sempre la fonte.