venerdì 9 marzo 2012

Micam ShoEvent 2012: Pas de rouge


Cosa c'è di meglio di una scarpa stupenda? Una scarpa che oltre ad essere stupenda sia anche comoda! Pas de rouge conosce bene noi donne che, negando l'evidenza, sosteniamo la comodità della nostra scarpa preferita ("ha il tacco largo sai? E' come essere in sneakers!") salvo poi arrivare a fine giornata claudicanti e ha conciliato l'inconciliabile. L'azienda veneta crea scarpe belle che possano essere indossate tutto il giorno, il segreto è nella leggerezza, la calzatura pesa meno di 150 gr!

12 commenti:

  1. Wow!! Avrei voluto esserci: sono un appassionatissima amante delle calzature (tutte)!!

    La francesina e l'ultima deco mi fanno impazzire: leziose e comode? Super :D

    Baci

    Momo

    RispondiElimina
  2. Viva le scarpe comode, ma queste sono pure belle: mi piacciono molto la prima francesina e il mocassino con le nappine :)))

    www.lostinunderwear.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. La prima è esatamente il modello che cerco!

    RispondiElimina
  4. >Sono d'accordo con voi ragazze, la prima francesina è fantastica, poi sono veramente leggere, peccato non averle potute provare... Devo scoprire dove trovarle a Torino ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maurizia, manda pure una mail a commerciale@gritti.eu e ti faremo sapere dove :-)

      Elimina
  5. @momoilgomitolo: Effettivamente è stato bellissimo ma anche un filino frustrante, essere circondati dalle scarpe tutto il giorno e non poterne acquistare nemmeno un paio! Beh, il conto in banca ringrazia...

    RispondiElimina
  6. Daniela Leone9 marzo 2012 23:06

    I just love your shoes. Their are some stores in Australia that sell your shoe. I have at lest 3 pairs. But when I come to Italy next year some time I will endevour to come in and purchase some more Pas de Rouge shoes...

    Cheers

    Daniela Leone

    RispondiElimina
  7. Ciao maurizia, ha fatto piacere anche a ne conoscerti. Adesso ti seguirò così magari Leggero anche di cosa accade nella mia bella Torino... ;)
    L' Estrosa sara' felice di essere stata promossa da entrambe!

    RispondiElimina
  8. I modelli e le sfumature retrò mi fanno impazzire!

    RispondiElimina
  9. @Daniela Leone: please write us at info@gritti.eu anytime you come to italy and need "directions" to find Pas de Rouge.
    @Alessandra, momoilgomitolo, l'armadio del delitto, Claudia: Vi ringraziamo per l'interesse!!! Potete contattarci a info@gritti.eu per sapere in quali negozi trovarci! ps. la francesina è un nostro cavallo di battaglia, quindi la trovate già nei negozi anche per questa stagione!

    RispondiElimina
  10. @Vernice: anche per me è stato un piacere, è sempro bello approfittare di questi eventi per conoscere le "colleghe" blogger!

    RispondiElimina
  11. Ho avuto un’esperienza negativa con “Pas de Rouge”, a Roma in vacanza (io sono di torino) ho visto una bella francesina (249 euro) nel loro negozio monomarca… provo subito a cercare su internet il sito e dove le vendono a torino, ma aimè hanno la politica di dirtelo solo se gli scrivi una mail con i tuoi dati , vabbè lo faccio ma non ricevo subito risposta allora decido di entrare nel loro negozio di roma, provo e il mio numero il 36 mi sta leggermente stretto mentre il 37 è troppo largo, confidando nell’effetto piedi gonfi da vacanza acquisto il 36 (il mio numero da sempre è il 36, mai avuto problemi). Alla sera la riprovo: strettissima, il giorno dopo torno al negozio ma la mezza misura in più non ce l’hanno (anche se l’azienda la produce), la signora del negozio piuttosto scocciata mi propone di tenerla così che poi si allarga, io chiedo se possono cercarmi un 36 e mezzo e eventualmente inviarmelo a casa. Risposta: ci vogliono almeno due mesi e poi costano il 20% in più e si paga le spedizioni… alla faccia del venire incontro al cliente! A mio avviso non ho scelta e accetto le condizioni, lasciando i miei dati al negozio, esco senza scarpe, dopodiché telefono all’azienda chiedendo se viste le condizioni possono venirmi incontro e non applicarmi ulteriori 50 euro per il disguido… anche perché le avrei cercate a torino con tutta calma avessi saputo dove! Tergiversano un po’ e mi danno qualche speranza… riesco anche a sapere che magicamente non ci vogliono due mesi ma uno solo… Vabbè sono fiduciosa, passa un mese e nulla allora chiamo l’azienda e mi dice “ah sì eravamo d’accordo poi col negozio di spedirle direttamente a lei a torino vedo a che punto siamo…”. Mi richiamano e mi dicono che “no.. sono partite con l’ultimo riordino a Roma”, poi mi chiama la signora di Roma e mi dice che appena faccio il bonifico di 49.50 euro me le mandano e io “ma non possiamo fare contrassegno?” risposta “col bonifico si fa prima” (??!!!). Vabbè faccio il bonifico, speriamo almeno mi vadano bene… Arrivano e con sorpresa mi accorgo che sono leggermente grandi, a questo punto penso che quel 36 fosse sbagliato (in effetti nel negozio avevo provato un altro modello in 36 e mi andava bene) quindi che alla fine l’errore non fosse proprio mio, in più sulla scatola il prezzo è 249 euro, dunque in definitiva non capisco i 50 euro pagati in più per una scarpa che con tutta probabilità aveva stampato un numero sbagliato.
    Alla fine metterò la mia francesina da 300 euro totali con il sottopiede con nessuna voglia di ricomprare, né di consigliare questa avida azienda…
    Paola R.

    RispondiElimina

Questo blog è copyright di Torino Style. Testi e fotografie, se non diversamente indicato, sono copyright degli autori o dei contributors.
Nessuna parte di questo sito, dei post e delle immagini può essere utilizzata o riprodotta senza consenso esplicito e comunque sempre citandone sempre la fonte.