mercoledì 17 settembre 2014

Storia della moda al Victoria&Albert

Abito da sera Lanvin, 1957
Conoscete il Victoria & Albert Museum? A me piace moltissimo perchè ho sempre avuto un debole per le arti decorative e trovo molto divertente passeggiare tra le sale immaginando chi e come usasse gli oggetti nelle vetrine.
Inutile dire che la mia sezione preferita è quella del "textiles and fashion": ci ho passato una mattinata intera e ora vi propongo un piccolo percorso di storia della moda, scusandomi per le orribili foto (le ho dovute fare con il cellulare in un ambiente buio e affollato).


Bello questo vestito vero? Il tessuto ha una stampa molto carina, il modello è semplice, sembra fresco e portabile. Ma... non sono ancora arrivati i tempi di "sotto il vestito niente". Guardate che strutture dovevano indossare le nostre povere antenate... fanno passare immediatamente la voglia di sfoggiare un abito così affascinante.


Manica, gonfia-manica, copri-manica, per non  parlare di busti e crinoline


Qui sotto un outfit matrimoniale di inizio Ottocento e un panciotto 
ricamato con amore da una fidanzata con piccoli non ti scordar di me.



Cambiamo secolo con questo splendido abito bianco, certamente più confortevole rispetto ai precedenti. Linee sinuose e fluide segnano l'arrivo dell'era contemporanea.


Gli anni Venti sono di sorprendente modernità e rappresentano bene un decennio di euforia e voglia di divertimento dopo le tragedie della Prima Guerra Mondiale.
Frange, abiti sottoveste, pizzo... per caso vi ricordano qualcosa delle collezioni per questo inverno? Anche nella moda, nulla si crea e nulla si distrugge.



Il famoso soprabito trompe-l'-oeil di Elsa Schiaparelli


Bikini o intero? Due costumi in maglia degli anni Trenta che certamente all'epoca suscitarono scalpore. Quello bianco ai nostri occhi sembra più la pancera della nonna, ma ho controllato attentamente, è proprio un costume da bagno.



Anche gli anni Trenta sono estremamente innovativi nella moda; qui sotto una tuta da sera in tessuto disegnato da Jean Cocteau, un completo da sera di Chanel con camicia jabot, giacca e pantaloni di rete paillettata (dono di Diana Vreeland, by the way) e un abito da sera in due pezzi in crepe de chine. Potrebbero tranquillamente essere indossati anche oggi, non trovate?



Con la Seconda Guerra Mondiale tutto cambia radicalmente: da feste e lustrini si passa a privazioni e bombardamenti. Qui vedete un tailleur made in Britain accuratamente studiato per evitare sprechi, un modello che le donne britanniche erano vivamente incoraggiate ad adottare: gonna dritta (assolutamente abolite le pieghe!), giacca lineare con quattro bottoni (non di più!), il tutto in tweed inglese (vietato importare dai paesi nemici!). E non pensate che la borsetta sia uno sfizio, in realtà è una custodia per maschera anti-gas.


Finita la Guerra, arrivano gli anni Cinquanta a portare il New Look di Dior. Buttate via le tessere annonarie, non c'è più bisogno di fare economie e risparmiare stoffa, i volumi sono ampi, voluminosi e ritornano in auge bustini e sottogonne. Sembra un inno alla modernità dei nuovi tempi ma a guardare bene non trovate un richiamo forte alle linee Ottocento?



Con gli anni Sessanta tutto cambia, arrivano le minigonne, la moda per giovani alternativa e irriverente, si abbandonano le convenzioni dell'abbigliamento formale. Cambia lo stile di vita, cambia la società, cambia il consumo, cambia il modo di scegliere i vestiti. E' da qui che parte una nuova storia che arriva fino ad oggi e chissà dove ci porterà.


La sezione "Textiles and Fashion" del Victoria & Albert Museum fa parte delle collezioni permanenti. L'ingresso al Museo è gratuito.
 

3 commenti:

  1. Ma sai che sono stata diverse volte a Londra e mai al Victoria & Albert Museum?? Mi hai messo una voglia matta di tornare a Londra e visitare questo museo!!

    lens & anything else

    RispondiElimina
  2. praticamente un sogno ad occhi aperti

    www.nonsidicepiacere.it

    RispondiElimina
  3. A parte la sezione fashion che è splendida, è un museo divertente perchè c'è di tutto: argenti, ceramiche, arredi, arte orientale... Tra l'altro la sezione fashion è molto ricca e cambiano spesso l'esposizione

    RispondiElimina

Questo blog è copyright di Torino Style. Testi e fotografie, se non diversamente indicato, sono copyright degli autori o dei contributors.
Nessuna parte di questo sito, dei post e delle immagini può essere utilizzata o riprodotta senza consenso esplicito e comunque sempre citandone sempre la fonte.