venerdì 6 gennaio 2012

Scheletri nell'armadio: Barbara Odetto


E' arrivata una nuova attesissima puntata di Scheletri nell'armadio - interviste curiosone sbirciando negli armadi di tipi cool, e questa volta ci ha spalancato le porte del proprio guardaroba Barbara Odetto, giornalista, blogger e pr torinese. Le ante dell'armadio si aprono e veniamo accolte da un gruppo di borse firmate. Sono il mio feticcio - ci racconta Barbara - trovo che siano un capo passe-partout che risolve qualsiasi outfit, sia diurno che festaiolo. La mia preferita in assoluto? Senza dubbio il bauletto di Prada!

 

Sono un tipo abbastanza rock, i miei numerosi amici musicistici mi hanno influenzata e mi sento molto biker-rock. Questi leggings di pelle di Patrizia Pepe mi piacciono molto e, a seconda degli accessori abbinati, sono molto versatili. 


 Questo vestito di lana di Corinne Sarrut è un classico natalizio, nell'ambito familiare svesto i panni di rocker per trasformarmi al 100% in moglie, figlia e mamma e che cosa c'è di meglio di un abito avvolgente e caldo per lasciarsi andare alle coccole?

  
Cristina Ferrari, la stilista di Fisico, mi ha donato questo tubino nero perchè lo sfoggiassi a una serata a teatro. Mi piace molto perchè è discreto ed elegante, impreziosito dal pavè di perle sulla scollatura per un effetto gioiello che trovo bellissimo.

 

Sono particolarmente affezionata a questo abito della stilista autraliana Annah Hill perché l'ho acquistato durante il mio viaggio di nozze down under. Pur avendo uno stile molto diverso dal mio, mi piace moltissimo l'effetto "fatina" del ricamo di paillettes e perline sul tulle. Lo trovo un modo divertente per drammatizzare il vestito da sera.

3 commenti:

  1. Il tubino nero è fantastico, amo questi post!!!

    MissPandamonium

    RispondiElimina
  2. Che bello poter sbirciare negli armadi altrui e che meraviglia quel tubino con il colletto decorato!!!
    www.lostinunderwear.blogspot.com

    RispondiElimina
  3. fotografie banali.. peccato peccato che le vecchie pettegole non sanno usare il compiuter perché a loro sarebbe piaciuto.

    RispondiElimina

Questo blog è copyright di Torino Style. Testi e fotografie, se non diversamente indicato, sono copyright degli autori o dei contributors.
Nessuna parte di questo sito, dei post e delle immagini può essere utilizzata o riprodotta senza consenso esplicito e comunque sempre citandone sempre la fonte.