mercoledì 16 maggio 2012

Braccialetti fever


E' interessante notare come fin dai tempi più antichi gli esseri umani abbiano sentito l'esigenza di aggiungere al proprio corredo degli oggetti assolutamente inutili, i gioielli. Che fossero di materiali preziosi o - come si dice oggi - di recupero, i gioielli sono sempre stati un accessorio importante, vuoi per il naturale desiderio di sentirsi più belli, vuoi perché considerati un amuleti, vuoi per il valore economico che ne faceva un investimento. 
Allora come oggi, i gioielli esercitano un'eterna e irresistibile attrazione, che siano preziosi a mille carati o perline di plastica, chi non ha almeno un cassettino pieno di collane, braccialetti, anelli?

bracciali con pietre semi-preziose Chan Luu
braccialetti in perle di cristallo Maylily

La primavera 2012 vede trionfare il braccialetto, ma rigorosamente declinato al plurale. Non osate uscire con un solo braccialettino solitario! Senza arrivare agli eccessi delle modaiole più sfegatate che si portano appresso avambracci carichi di braccialetti misti, la moda dell'estate prescrive di avere avere almeno qualche centimetro di polso coperto, e per questo ci vengono in aiuto i modelli multipli, con due, tre, quattro giri. Ad andare per la maggiore sono le versioni semipreziose, come la maglia d'oro con il bordo all'uncinetto, da scegliere in tutti i colori dell'arcobaleno, come le perline di pietre dure legate da un laccio in cuoio o i bracciali singoli oppure doppi realizzati con il tessuto kimono.

bracciale singolo o doppio in tessuto kimono Gin.ki

L'importante è mescolarli e sbizzarrirsi: si può scegliere una serie di bracciali uguali ma in colori diversi o al contrario giocare con modelli diversi ma dello stesso colore o materiale, mescolare ai bracciali moderni un pezzo vintage, insomma... spazio alla fantasia ma con un risultato armonico.

bracciali all'uncinetto Cruciani
E chi proprio non sopporta di portare al polso troppi braccialetti può scegliere un cuff, il modello di ispirazione tribale, anche questo proposto in molte versioni, di metallo lucente o opaco, di legno, di plastica, semplice, intagliato o decorato da applicazioni di pietre dure o borchie.

bracciale Regina di Valentina Laganà

6 commenti:

  1. Io voto per un bracciale unico, ma importante: sto facendo la goccia al Tiffany Rubedo ;)))

    www.lostinunderwear.blogspot.com

    RispondiElimina
  2. Il tiffany è fantastico ma da quando ho visto quanto costa non mi piace più!!!

    RispondiElimina
  3. più braccialetti per tutti!

    RispondiElimina
  4. Sembra di essere ritornati bambini, quando le cose semplici erano poi quelle più apprezzate...
    Quanto ci poteva rendere felici un braccialetto di filo? Ho apprezzato molto quelli in pizzo di cruciani e devo dire che quelli in tessuto kimono sono davvero splendidi! ;D
    Un bacione,

    Benedetta

    RispondiElimina
  5. ciao , io i bracciali li ho sempre amati . Mi piace crearli e mi piace indossarli . Per chi crea bigiotteria sono una bella sfida .
    http://ilfruttetodelleidee.blogspot.it/

    RispondiElimina

Questo blog è copyright di Torino Style. Testi e fotografie, se non diversamente indicato, sono copyright degli autori o dei contributors.
Nessuna parte di questo sito, dei post e delle immagini può essere utilizzata o riprodotta senza consenso esplicito e comunque sempre citandone sempre la fonte.