venerdì 1 ottobre 2010

Milano Fashion Week - Coccinelle


Entriamo nello showroom Coccinelle di Milano, tre grandi sale dai soffitti affrescati in un palazzo storico milanese. Esposte sugli scaffali, tutte le borse della collezione per la primavera 2011: bauletti, tracolle e pochettes dalle forme morbide, con gli angoli smussati, arricchite da particolari come frange, coulisse, fiocchi, ricami e da lavorazioni delle pelli per un effetto vintage. Anche Coccinelle propone l'alternanza tra i toni naturali dei grigi e dei marroni e quelli vivaci, tipicamente estivi, arancio, fucsia, rosa e azzurro.
Rubati ai frutti tropicali i colori della "goodie bag", parte del cui ricavato verrà devoluto al progetto "Maternità sicura" per garantire migliori condizioni a mamme e neonati dell'ospedale pediatrico Saint Damien di Haiti, seguito in collaborazione con la Fondazione Francesca Rava.


goodie bag per il progetto "Maternità sicura"
Prosegue la collaborazione con Barbara Hulanicki: le stampe grafiche rimangono le stesse, cambiano i materiali e le forme: secchielli e sacche in canvas cerato e shopper in tessuto gommato con fantasia macro (consigliate per la spiaggia), corredate dai charms con il motivo "Hulanicki" intagliato in pelle. Nuovi anche gli abbinamenti di colore: rosa/arancio, rosa/blu, azzurro/turchese, oltre agli intramontabili bianco e nero.



la collezione Hulanicki

Per quanto riguarda le scarpe, anche Coccinelle conferma il trend "alto o basso" senza vie di mezzo, denominatore comune di tutte le calzature viste su passerelle e showroom durante la settimana della moda milanese. Molto belle sia le ballerine con decorazioni applicate sia i sandali a tacco alto nell'elegante contrasto beige/nero



Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento

Questo blog è copyright di Torino Style. Testi e fotografie, se non diversamente indicato, sono copyright degli autori o dei contributors.
Nessuna parte di questo sito, dei post e delle immagini può essere utilizzata o riprodotta senza consenso esplicito e comunque sempre citandone sempre la fonte.